Home
La Tecnologia a Scuola PDF Stampa E-mail

Pubblichiamo il testo prodotto in occasione della recente esperienza dell'Officina Informatica presso le Officine Grandi Riparazioni e di cui e' stata fornita copia ai docenti che hanno partecipato.

Scarica qui il documento.

L'opera parte dalla definizione del termine "informatica" per ricostruire il percorso logico che sfocia nella conclusione secondo cui il software libero e' l'ovvio e naturale strumento per la didattica odierna, l'unica forma di distribuzione della tecnologia (e, per estensione, della conoscenza) che sarebbe lecito adottare in un ambiente costruito esattamente allo scopo di diffondere il sapere.

La partecipazione all'evento del 14 aprile e' stata modesta ma fruttuosa: una delle maestre intervenute e' gia' passata a farci visita al nostro sportello settimanale (tutti i mercoledi, dalle 18:00 alle 20:00 in via Morgari 14) per avere assistenza durante l'installazione di Linux sul proprio PC, e l'organizzatore dell'evento (membro dell'Associazione Niccolo' Tommaseo) si sta prodigando per replicarlo prossimamente presso la Casa del Quartiere di San Salvario.

Tra interventi tecnici ed interventi divulgativi, l'Officina Informatica Libera da il suo contributo all'introduzione del software libero nella scuola. La strada da percorrere e' ancora lunga, ma il fiato non ci manca.

 
Digital Unite PDF Stampa E-mail

Digital UniteMartedi 3 maggio, alle ore 18:00, presso il Centro d'Iniziative Europea del Piemonte (via San Giovanni Battista La Salle 17, Torino), si svolgera' l'inaugurazione del progetto Digital Unite.

Tale iniziativa puo' essere sommariamente riassunta nel motto: l'Officina Informatica invade Porta Palazzo!

Essa consta di due elementi fondamentali. In primis, un corso gratuito di informatica diviso in 8 lezioni, rigorosamente svolto su Linux, rivolto principalmente alle donne ed ai giovani residenti nel quartiere (i quali, per chi non ha esperienza con la geografia torinese, sono in gran parte migranti). In secundis, uno sportello di assistenza a cadenza settimanale aperto a coloro che hanno qualche grattacapo col proprio PC o, pur avendo qualche nozione tecnologica, vogliono saperne di piu' sul software libero.

Un appunto importante (ma scontato, essendoci lo zampino dell'Officina Informatica...) da fare in merito al corso e' che coloro che lo frequenteranno per intero avranno la possibilita' di portarsi a casa un computer, ovviamente gratis, onde poter mettere in pratica le conoscenze acquisite.

Per maggiori dettagli sul progetto, partecipate alla presentazione di martedi 3 maggio!

UPDATE: qui sotto il video della prima parte della presentazione. Nel resto del tempo i numerosi giovani intervenuti hanno avuto modo di metter mano ad alcune postazioni allestite per l'occasione, in modo da farsi una prima idea di cosa e' Linux.


 
14 Aprile: La Tecnologia a Scuola PDF Stampa E-mail

Non di solo cacciavite vivono i soci dell'Officina Informatica Libera, ed anzi siamo sempre lieti di dedicare spazio alla divulgazione ed alla promozione dei temi a noi cari. Per tal motivo siamo stati gentilmente invitati dall'Associazione Magistrale Niccolo' Tommaseo, ente che da oltre un secolo opera nel mondo della scuola e della didattica, a partecipare alle iniziative da loro coordinate in occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino.

Il punto di contatto tra le due associazioni e', inevitabilmente, quello delle tecnologie per la scuola, e proprio a tale argomento viene dedicato l'intervento che si terra' giovedi 14 aprile dalle 17:30 alle 19:30 appunto alle Officine, in corso Castelfidardo 22.

Due ore per parlare dell'immediato futuro degli istituti scolastici, ma a modo nostro. Non aspettatevi l'esaltazione della Lavagna Multimediale o una dimostrazione live di come funziona un tablet, quanto piuttosto una serie di spunti critici sull'approccio da adottare nei confronti dei nuovi strumenti, dei nuovi media, delle nuove risorse e dei nuovi contenuti. Ampia attenzione sara' indubbiamente riservata al software libero ed al recupero dell'hardware, ma non mancheranno aneddoti e appunti raccolti dalla stampa o da chi tali orpelli digitali gia' li ha sperimentati. Scopo finale sara' dimostrare come non basti un pezzo di ferro e silicio attaccato alla presa della corrente elettrica per fare "innovazione", ma piu' di tutto va utilizzato il buon senso ed il giudizio.

L'appuntamento e' ovviamente rivolto in primis ai docenti di ogni scuola e di ogni livello didattico, ma e' esteso a tutti coloro che vogliono farsi una idea piu' precisa su tematiche spesso troppo superficialmente toccate.

UPDATE: qui il documento riassuntivo dei temi toccati, di cui copia e' stata fornita ai partecipanti.

 
10 Aprile al SenzaMoneta PDF Stampa E-mail

Altro giro, altro SenzaMoneta. Ed il banchetto dell'Officina Informatica, come sempre, non puo' mancare.

Il prossimo appuntamento con il "mercato del baratto" piu' amato dai torinesi (ma non solo), ideato ed implementato (e pure condiviso!) dagli amici di ManaMana',  e' per domenica 10 aprile 2011 presso Piazza Crispi a Torino, indicativamente dalle 11:00 alle 19:00. In tale occasione i partecipanti piu' o meno casuali avranno modo di scambiare tra loro oggetti - ma anche conoscenze, nozioni, e prestazioni - al di fuori dalle logiche del mercato di consumo e dello spreco.

OIL ha una lunga tradizione di SenzaMoneta, avendo partecipato a gran parte delle precedenti edizioni della manifestazione, ma ammettiamo che sinora ci e' mancato uno spunto di partecipazione attiva all'interno delle sue dinamiche. Per questo motivo in questa occasione scambieremo qualcosa anche noi, e non ci vuole una gran fantasia per intuire che scambieremo qualunque cosa con dei computer!

Volete un PC per iniziare ad avvicinarvi a Linux senza dover metter mano al computer con cui lavorate? Avete un figliolo e non vi fidate a lasciargli il PC coi vostri dati importanti? Vostra nonna vorrebbe un computer per andare a cercare le ricette su Internet, ma non vi sembra opportuno spendere centinaia e centinaia di euri per una macchina nuova (di cui, oggettivamente, non se ne farebbe nulla)? Passate a trovarci domenica 10 aprile, e portate qualcosa da scambiare con noi!

 
Lassu' nelle Valli di Lanzo... PDF Stampa E-mail

Qualche tempo addietro un socio OIL ha intercettato su un giornale locale una sorta di "appello" lanciato dalla scuola elementare di Mathi, paesello nei pressi di Torino: "I computer dei laboratori di informatica sono troppo vecchi e non abbiamo fondi per comprarne di nuovi, cerchiamo aiuto". Ovviamente la squadra dell'Officina Informatica non poteva esimersi dal correre in loro soccorso!

Si e' cosi' svolto un primo incontro conoscitivo, in cui abbiamo appurato l'entita' dell'emergenza tecnica (alquanto elevata, considerando che gran parte dei PC in dotazione sono dei Pentium 1 a 133MHz...) e la sua estensione (l'istituto di Mathi fa parte di un comprensorio di 10 scuole sparse nei paesi circostanti, tutte piu' o meno nelle stesse condizioni), e dopo qualche iniziale perplessita' sul fatto di migrare le scuole in oggetto a Linux ed al software libero data la forte abitudine e radicazione dei docenti all'ambiente operativo Microsoft ci e' stato concesso di fare una prova presso la scuola elementare di Balangero, l'unica dotata di computer un po' piu' recenti (per evitarci di portare i nostri da Torino).

Negli scorsi due giorni siamo pertanto finiti nelle Valli di Lanzo armati di cacciavite e compressore, ed abbiamo installato una rete LTSP usando i PC a disposizione tra cui sette Pentium (serie 2 e 3) ed un computer assai piu' nuovo adottato come server.  A parte qualche grattacapo dovuto ad alcune vecchie schede di rete malfunzionanti, prontamente sostituite, e alle configurazioni per far dialogare la nuova rete con le altre macchine Windows presenti nell'istituto (come al solito, i problemi arrivano quando ci sono di mezzo i protocolli proprietari...), tutto si e' svolto in modo abbastanza liscio e le macchine destinate all'utilizzo da parte dei bambini hanno ricominciare a vivere grazie ad Edubuntu e alla magia di LTSP.

A questo punto non ci resta che attendere il feedback da parte dei maestri della scuola in merito al nuovo sistema operativo, e scoprire se l'abitudine a Windows sara' piu' forte del desiderio di tenersi macchine molto piu' veloci e performanti. Se il responso sara' positivo, ci sara' un gran bisogno di manodopera e di risorse hardware per soddisfare l'immensa richiesta latente lassu' nelle Valli di Lanzo.

 
«InizioPrec.11121314151617Succ.Fine»

Pagina 12 di 17